TRUMP HA RAGIONE SULLA VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE
(di Patrizia Marini)

Uno studio canadese conclude che immunizzare il personale infermieristico non cambia il numero di casi confermati di influenza fra gli anziani residenti nelle case di riposo). Sono necessari studi controllati randomizzati in doppio cieco (RCT) di alta qualità per evitare i rischi di distorsione nella metodologia e la condotta, e per testare questi interventi in combinazione. (*)
«… We conclude there is no evidence that vaccinating HCWs Healthcare workers' (HCWs) prevents influenza in elderly residents in long-term care facilities (LTCFs). High quality RCTs are required to avoid risks of bias in methodology and conduct, and to test these interventions in combination. »
Il co-autore dello studio è il Dott. Tom Jefferson, un epidemiologo britannico che dirige la ricerca sui vaccini (Cochrane) e che ha guadagnato una reputazione come dissidente scientifico per la sua franca critica alla vaccinazione antinfluenzale.



FONTE: Cochrane Database Syst Rev. 2010 Feb 17;(2):CD005187. 
Influenza vaccination for healthcare workers who work with the elderly. 
Tom Jefferson et al.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20166073

➡ Questa POI mi era sfuggita. Io conoscevo solo la bufala secondo la quale Farmindustria controlla le Società scientifiche.  3:)
http://video.corriere.it/.../0f9fd916-9d04-11e6-baae...

➡ In quanto a bufale la signora Luppi se ne intende…
https://www.youtube.com/watch?v=oO1q4DCaklU

➡ Nicoletta Luppi è attuale presidente e amministratore delegato di Sanofi Pasteur MSD Italia, già membro della Giunta di Farmindustria, nell’aprile 2015 è stata nominata alla presidenza del Gruppo Vaccini di Farmindustria per il biennio 2015-2016, con l’obiettivo del Gruppo di promuovere la cultura della vaccinazione a tutti i livelli… Sanofi Pasteur MSD è l’unica azienda specializzata in vaccini in Europa.
http://www.corriere.it/.../anche-produttori-di-vaccini...
(*) Per lo studio controllato randomizzato in doppio cieco (RCT) si divide la popolazione in due gruppi, in maniera casuale (random): a una parte si somministra il farmaco (o vaccino) oggetto dello studio, all’altra un placebo. E li si segue entrambi nel tempo per osservare l’efficacia del farmaco e prendere nota degli eventuali eventi avversi. Nello studio clinico in ‘doppio cieco’ né lo sperimentatore né i soggetti inclusi sono a conoscenza dei trattamenti assegnati (i trattamenti sono indistinguibili).
Il placebo è una forma farmaceutica che non contiene sostanze biologicamente attive, utilizzata per eseguire confronti con farmaci nelle sperimentazioni cliniche (oppure presentata al paziente come rimedio efficace e quindi somministrata al fine di indurre suggestione psicoterapeutica). Lo studio clinico controllato randomizzato è uno studio prospettico, quindi la sperimentazione viene condotta parallelamente nei due gruppi e i risultati ottenuti vengono analizzati alla fine dello studio. - LINK di approfondimento 

In sintesi si può evincere come sia solo marketing vaccinale per una malattia di marketing come riporta il British Medical Journal [BMJ 2013;346:f3037]. ... e i sanitari lo sanno bene.
http://www.repubblica.it/.../11/14/news/vaccini-151966002/

In conclusione aggiungiamo che il British Medical Journal [BMJ], una delle più venerate riviste di pubblicazioni medico scientifiche di tutto il mondo, ha pubblicato un articolo che condanna i vaccini contro l’influenza e la loro commercializzazione. L’ultima frase che si legge, cita:
“Non c’è da stupirsi che così tante persone sentono che i vaccini antinfluenzali non funzionano: per la maggior parte delle influenze, questi vaccini non fanno nulla”. - http://www.bmj.com/content/346/bmj.f3037
 
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Le ricerche, le nuove applicazioni, le testimonianze, gli approfondimenti. Iscriviti adesso!

Contattaci

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso. Per saperne di piu'

Approvo

Politica sui cookies

Per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito web, metodoruffini.it inserisce alcuni cookie sul tuo computer.

Ma che cosa sono i cookies e perché si usano?
I cookies sono piccoli file di testo salvati sul tuo computer o sul tuo dispositivo mobile. Non occupano molto spazio, e, una volta scaduti, saranno rimossi automaticamente.
Il sito del Metodo Ruffini usa i cookie per fare sì che la tua visita al nostro sito web sia il più possibile piacevole. Ci sono diversi tipi di cookie, usati in diversi modi. Alcuni hanno la funzione di consentirle di sfogliare il sito web e di vedere determinati oggetti. Altri servono a darci un'idea delle tue esperienze nel corso della tua visita, per esempio le difficoltà che incontra nel trovare quello che cerchi; in tal modo possiamo migliorare e rendere il più possibile piacevoli le tue visite future.
I cookies più importanti sono i cookie necessari. Ti sono indispensabili per navigare sul sito web e utilizzarne le caratteristiche fondamentali. Per migliorarci raccogliamo dati sulla navigazione. Poi ci sono gli interaction cookies si usano per consentirle di interagire con media sociali oppure di inviare recensioni.
Ma se i cookies non piacciono?
Puoi modificare le impostazioni del tuo browser in modo che i cookies siano cancellati o non vengano salvati nel tuo computer o dispositivo mobile senza il tuo consenso esplicito. La sezione Aiuto del tuo browser ti deve fornire informazioni sul modo di gestire le tue impostazioni relative ai cookie. Qui può vedere come si fa con il tuo browser:
Internet Explorer: http://support.microsoft.com/gp/cookies/en
Mozilla Firefox: http://support.mozilla.com/en-US/kb/Cookies
Google Chrome: http://www.google.com/support/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647
Safari: http://support.apple.com/kb/PH5042
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/
Adobe (plug-in for flash cookies): http://www.adobe.com/security/flashplayer/articles/lso/


Privacy e termini di utilizzo

© 2015 - 2017 Metodo Ruffini

Paolo Ruffini C.F. RFFPLA73C12L682L